logo-02

Questo sito utilizza i cookie.

Accetta per continuare la navigazione.

Approvo
 

La Galleria Comunale d’Arte e il Palazzo di Città sono temporaneamente chiusi per il riallestimento delle collezioni. Ci scusiamo per il disagio e aspettiamo il gentile pubblico per la riapertura, il prossimo 30 giugno.

8 Giugno 2017 | I want you for museum's army - Gramsci

APPUNTAMENTI / Tutti le attività dei Musei Civici

12 Giugno 2017 | Chiusura temporanea Galleria Comunale d’Arte

APPUNTAMENTI / Tutti le attività dei Musei Civici

11 Giugno 2017 | Musei in Musica - Duo Luciani Amat di San Filippo - Paul Klee

APPUNTAMENTI / Tutti le attività dei Musei Civici

21 Giugno 2017 | Erasmus Concert

APPUNTAMENTI / Tutti le attività dei Musei Civici

10 Giugno 2017 | Chiusura Galleria Comunale d’Arte

APPUNTAMENTI / Tutti le attività dei Musei Civici

15 Giugno 2017 | Il progetto Gramsciano "Questa è la tua terra" incontra la danza con "Movimento per Gramsci

APPUNTAMENTI / Tutti le attività dei Musei Civici

22/03 - 14/05 | Mostra di Thierry Konarzewski - Enosim

I rifiuti approdati sulle coste dell’Isola di San Pietro in Sardegna si animano di volti misteriosi negli scatti emozionanti del fotografo francese nato in Africa.
Cagliari, CARTEC - CAVA ARTE CONTEMPORANEA 22 marzo - 14 maggio 2017
La mostra fotografica che si terrà dal 22 marzo al 14 maggio 2017 alla Cartec - Cava Arte Contemporanea, suggestivo e antico spazio scavato nelle rocce di tufo, attiguo alla Galleria Comunale di Cagliari e annesso ai Musei Civici, diretti da Anna Maria Montaldo, ha per oggetto i rifiuti. Argomento nevralgico, quindi anche molto frequentato dall’arte contemporanea, ma affrontato dal fotografo in questione, il francese Thierry Konarzewski, con un approccio del tutto singolare, attraverso una ricerca che si distingue dalla moltitudine di variazioni sul tema rifiuti e ambiente tout court.
“Enosim” - dal nome che i Fenici diedero all’Isola di San Pietro in Sardegna - è una mappatura di inquietanti presenze, volti che il fotografo trova e ritrae nella morfologia di plastiche consumate, mutilate e rotte; di bidoni, fustini, taniche, bottiglie arrivate dal mare nelle cale di Carloforte più esposte a venti e correnti.
Sono zone frequentate con assiduità da Konarzewski alla ricerca di seducenti sguardi sottotraccia, in rapporto dialettico, oltre che formale, con la morte delle cose.

 

Per approfondimenti >>

Mercoledì, 15 Marzo 2017 15:40

Musei Civici Cagliari | Copyright © 2013

logo-cagliaricagliari-rossoorientare